Privacy Evolution
Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution
 

Accesso utenti






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Utenti registrati

1638 registrati
0 oggi
2 questa settimana
2 questo mese
   
Privacy Evolution 14 PDF Stampa E-mail

E' stata rilasciata la nuova

Versione di Privacy Evolution

14.0.0

La nuova procedura è distribuita ed aggiornata

§  per versioni del sistema operativo Windows 8 o superiori 
CD di installazione scaricabile qui (immagine ISO)

 

NOTE

Problemi rilevati su pc a 32bit:
L'installazione termina correttamente, ma non vengono installati alcuni componenti.

Workaround:
Installare manualmente tali componenti facendo doppio click sul file PBCLTRT125.msi presente sulla cartella principale del CD⁄DVD.
Confermare tutte le scelte proposte dalla procedura di installazione. 

A breve, verrà rilasciata una nuova distribuzione che risolverà il problema.

 

§  per versioni del sistema operativo Windows XP/Vista/7
CD di installazione scaricabile qui (immagine ISO)

Gli aggiornamenti saranno disponibili a tutti coloro che sono in regola con il contratto di assistenza.



 

01 Luglio 2014

 
 
Registro delle Opposizioni PDF Stampa E-mail

30 gennaio 2011 News

Registro delle opposizioni - Stop al Telemarketing

A partire dal primo febbraio, chi non vorrà più essere contattato telefonicamente, potrà iscriversi nel registro pubblico delle opposizioni. Un apposito albo, istituito dal ministero dello Sviluppo economico che cambia le regole del telemarketing, ponendo un freno alle pubblicità telefoniche, rituale in alcuni casi molesto e indesiderato.

Con il Dpr 178/2010 il Governo ha affidato la gestione di tale registro, alla fondazione Ugo Bordoni, un ente di ricerca in materia di telecomunicazioni, per evitare di essere contattati telefonicamente, sarà necessario iscriversi dichiarando i propri dati anagrafici, codice fiscale, indirizzo di posta elettronica e telefono.

Leggi tutto...
 
Sistemi di videosorveglianza PDF Stampa E-mail

8 aprile 2010 

Provvedimento in materia di videosorveglianza

Il Garante ha varato un nuovo provvedimento  per i Sistemi di videosorveglianza.
Il provvedimento generale, che sostituisce quello del 2004 e introduce importanti novità, si è reso necessario - spiega il Garante - non solo alla luce dell'aumento massiccio di sistemi di videosorveglianza per diverse finalità ma anche in considerazione dei numerosi interventi legislativi adottati in materia: tra questi, quelli più recenti che hanno attribuito ai sindaci e ai comuni specifiche competenze, in particolare in materia di sicurezza urbana, così come le norme, anche regionali, che hanno incentivato l'uso di telecamere.
Il periodo per adeguarsi va da un minimo di sei mesi a un massimo di un anno.

Leggi il testo del provvedimento

 
Download PrivacyEvolution 10 PDF Stampa E-mail

 

La versione di Privacy Evolution 10 è una Major Release e pertanto non può essere installata con il normale servizio di Live-Update.Per facilitare la distribuzione del prodotto e la sua installazione abbiamo creato un file (in formato compresso .rar)  contenente tutti i files per creare un CD-ROM di installazione che può essere scaricato direttamente in questa area.Prima di procedere con il download e con l'installazione verificare di essere in possesso del seriale della licenza e di essere in regola con il Servizio di Aggiornamento Programmi (SAP) per l'anno 2010 verificare inoltre, di avere per lo meno 512Mb di memoria ram disponibile, diversamente non sarà possibile attivare la procedura, rendendola quindi inutilizzabile.Per effettuare correttamente l'installazione occorre:
1) Scaricare il file compresso cliccando sul bottone download
2) Se necessario scaricare anche il software per decomprimere il file (il software WinRar, viene reso disponibile direttamente dal sito del distributore italiano, in modalità "trial" secondo la licenza del produttore)
3) Decomprimere il file scaricato in una cartella di appoggio
4) Masterizzare un CD-ROM con il contenuto della cartella di appoggio dove è stato decompresso il contenuto del file scaricato.
5) Utilizzare il CD-ROM per installare Privacy Evolution 10 seguendo attentamente le istruzioni di installazione che compaiono durante l'esecuzione.
  Attenzione: l'installazione deve essere effettuata utilizzando un utente con i permessi di "Administrator"
Per effettuare il download del file cliccare qui:
Download PrivacyEvolution 10
Per scompattare i files in formato .rar potere scaricare la versione Trial di WinRAR
WinRAR versione per i sistemi a 32 bit WinRAR versione per i sistemi a 64 bit
WinRar WinRar

 

Opzioni di masterizzazione:

WinRar

Informazioni IMPORTANTI per l'installazione

Questa versione di privacy, è stata realizzata con una nuova runtime del linguaggio di sviluppo.
L'adozione di una versione più aggiornata di questo ambiente ha permesso la realizzazione di un prodotto che è ora compatibile con i più recenti sistemi operativi Microsoft (Windows 7, Windows 2008) a 32 e 64 bit, per questo motivo però, non è possibile effettuare un aggiornamento dalle versioni precedenti ma occorre effettuare questa nuova installazione.

Gli steps necessari per una corretta installazione sono:

Lanciare la procedura correntemente installata ed effettuare un backup dei dati.

Copiare il backup dei dati in un sistema sicuro.

Utilizzando il pannello di controllo di Windows procedere con la disinstallazione dei seguenti applicativi:

  • Privacy 2004/Privacy Evolution
  • Privacy PDF

Se è installato MSDE deve essere effettuata anche la disinstallazione di

  • MSDE2000 PRIVACY

Procedere con l’installazione della versione 10, per ripristinare i dati è necessario posizionare prima i files di backup nella directory backup di installazione di Microsoft Sql Server (tipicamente c:\programmi\microsoft sql server\MSSQL.X\MSSQL\BACKUP)

Durante l’installazione della procedura, verrà attivata una stampante, necessaria alla produzione della documentazione in formato PDF, in questa fase potrà essere richiesta la conferma circa la necessità di installare un driver che non è stato “firmato” per Windows, confermare tale scelta e procedere con l’installazione.
Al termine dell’installazione potrà essere necessario riattivare il prodotto, in questo caso contattare il proprio Software Partner per richiedere lo sblocco del numero di serie.
Per informazioni potete contattare il Software Partner presso il quale il prodotto è stato acquistato oppure direttamente inviare una email a: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Attenzione: l'installazione deve essere effettuata utilizzando un utente con i permessi di "Administrator"

 

 
Privacy Evolution 12 PDF Stampa E-mail

E' stata rilasciata la nuova versione di Privacy la Evolution 12

Evolution 10

20 Marzo 2012

Disponibile la versione 12.0.1 della procedura

La nuova versione è già disponibile in AGGIORNAMENTO a tutti coloro che sono in regola con il contratto di assistenza.

Le principali novità:

  1. Modifica alle informazioni di gestione dei sistemi di elaborazione
  2. Possibilità di nomina degli incaricati anche per i responsabili in outsourcing
  3. Possibilità di inserimento descrizione incarico libera per gli incaricati dei trattamenti
  4. Modifiche al Wizard di creazione gestione
  5. Nuova funzione di verifica adempimenti personalizabile (check list)
  6. Svincolo della stampa degli elenchi dalla stampa del DPsS
  7. DPsS stampabile in formato word e quindi totalmente personalizzabile

.. e molto altro ancora

Al momento il cd di installazione della procedura nella versione 12 non è ancora stato rilasciato, pertanto chi avesse necessità di effettuare una nuova installazione di privacy, se in regola con il canone di assistenza, può partire dalla versione 10 e poi effettuare gli aggiornamenti.

L'immagine ISO della versione 10 è scaricabile da qui

 
Telemarketing PDF Stampa E-mail

31 dicembre 2009

News

Telemarketing: riconfermate le regole del Garante privacy

Le regole predisposte dal Garante privacy nel marzo 2009, relative alle chiamate promozionali e pubblicitarie consentite a suo tempo dal decreto "Milleproroghe" del 2008, restano valide ancora per l’ulteriore periodo di sei mesi previsto dalla legge di conversione del decreto Ronchi, ovvero, se istituito in questo periodo, fino alla realizzazione del registro pubblico delle opposizioni al quale dovranno iscriversi le persone che non intendono ricevere questo tipo di telefonate.

Lo ha disposto l’Autorità con un provvedimento in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Aziende e call center che contatteranno gli utenti per fare promozione e offerte commerciali, dovranno quindi continuare a utilizzare solo banche dati effettivamente costituite sulla base degli elenchi telefonici precedenti al 1° agosto 2005. E non potranno chiedere il consenso degli interessati per futuri contatti né potranno cedere i dati che utilizzano a terzi.

Gli operatori che telefoneranno agli abbonati dovranno ad ogni contatto specificare per quale società chiamano e ricordare agli interessati i loro diritti. Ma soprattutto dovranno registrare immediatamente l'eventuale contrarietà dell'abbonato ad essere nuovamente contattato. L'utente che non intende essere più disturbato avrà il diritto di conoscere l'identificativo dell'operatore al quale ha comunicato la sua volontà.

Inoltre, i dati presenti nelle banche dati dovranno essere utilizzati solo a fini promozionali e non potranno in alcun modo essere usati per acquisire nuove informazioni o il consenso degli abbonati ad effettuare chiamate dopo la scadenza del periodo di deroga.

Il mancato rispetto del provvedimento comporta una sanzione amministrativa che va da 30 mila a 180 mila euro e che, nei casi più gravi, può raggiungere anche i 300 mila euro.

 
No al telemarketing con numeri casuali PDF Stampa E-mail
E' vietato effettuare telefonate commerciali usando sistemi che generano numerazioni casuali. Tanto più se gli abbonati vengono contattati con chiamate preregistrate.

Lo ha stabilito il Garante privacy intervenendo contro una azienda vinicola a seguito delle segnalazioni di numerosi cittadini che lamentavano la ricezione di telefonate indesiderate, in alcuni casi preregistrate. Per le sue comunicazioni commerciali l'azienda non utilizzava, né direttamente né attraverso i propri call center, i numeri presi dagli elenchi telefonici, ma si serviva di un sistema che generava i numeri da contattare attraverso sequenze casuali. Le sequenze erano elaborate con criteri geografici e i numeri non erano abbinati a dati anagrafici.

Nel suo provvedimento di divieto (relatore Giuseppe Fortunato) l'Autorità ha spiegato che anche il numero casualmente composto e chiamato telefonicamente deve considerarsi "dato personale", in quanto ricollegabile, anche indirettamente, a una persona identificata o identificabile. Di conseguenza, in base alle norme sulla privacy, per poter utilizzare anche questo tipo di numerazione a fini commerciali è necessario il previo consenso dell'interessato. Tanto più laddove si utilizzino modalità di contatto con chiamate preregistrate per le quali il consenso è obbligatorio, come più volte ribadito dal Garante.

Accertata l'illiceità del trattamento, il Garante ha vietato all'azienda di usare sistemi che generano tramite digitazione casuale numeri di telefono con i quali contattare gli interessati. La società dovrà inoltre cancellare tutti i dati personali per i quali non risulta documentato tale consenso.

La mancata osservanza del provvedimento del Garante espone a sanzioni penali (reclusione da tre mesi a due anni) e amministrative (pagamento di una somma da trentamila a centottantamila euro).
 
Rinnovate le autorizzazioni generali PDF Stampa E-mail

31 dicembre 2009 

Rinnovate le autorizzazioni generali per i dati sensibili e giudiziari
Il Garante Privacy ha rinnovato le autorizzazioni al trattamento dei dati sensibili e giudiziari che saranno efficaci dal 1° gennaio 2010 sino al 30 giugno 2011.

I sette provvedimenti riguardano, come in passato, i rapporti di lavoro, i dati sulla salute e la vita sessuale, le associazioni e le fondazioni, i liberi professionisti, le attività creditizie, assicurative e del settore turistico, l'elaborazione dei dati effettuata per conto terzi, gli investigatori privati e il trattamento dei dati di carattere giudiziario.

Le nuove autorizzazioni non recano significative modifiche rispetto a quelle in scadenza, alle quali sono state apportate solo alcune circoscritte integrazioni relative a modifiche normative intervenute nei settori considerati.

Il Garante ha differito inoltre, al 30 aprile 2010, l'efficacia dell'autorizzazione al trattamento dei dati genetici, rilasciata il 22 febbraio 2007 e già prorogata sino al 31 dicembre 2009.

Le nuove autorizzazioni e il provvedimento di differimento sono in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 14 di 85
 
Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution
Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution
 
   
 
Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution
Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution
   
Privacy Evolution Privacy Evolution Privacy Evolution